GALEONE, NOW

Da il 4 giugno, 2012

Zdenek Zeman se ne è andato. Un po’ alla maniera frettolosa di Mourinho subito dopo la vittoria della Champions. E’ un uomo anche il boemo. Non è forse quel supereroe vintage che in tanti avevamo creduto, magari equivocando certe sue affermazioni.

E’ andato dove lo ha portato il cuore, ma anche e soprattutto dove lo ha trascinato la ragione: come ha tenuto a precisare lui stesso, la Roma è una grande squadra e, a 65 anni suonati, treni tanto importanti potevano non sfrecciare mai più. Non ci resta che farci forza e provare a guardare avanti, a un immediato futuro comunque tinto di serie A, per noialtri biancazzurri. Anche se sarà molto difficile tornare a canoni di “normalità” calcistica. Dal Don Perignon al vino della casa il passo è atroce. Il calcio è fatto della stessa sostanza dei sogni.

Mi toccherà persino cambiare il nome di questa rubrica. E come la ridenominerò? Ciro Ferrara now? E’ l’allenatore dell’Under 21, alfiere di un football non esattamente spregiudicato, il candidato numero 1 alla successione di Zeman. Giampiero Gasperini now? L’ex pupillo di Giovanni Galeone, che però è fuori budget, perlomeno ci si avvicina a un’idea e a una pratica di calcio offensivo e totale, non a caso è considerato (insieme a Max Allegri) il più plausibile erede del profeta Galeone. Galeone now: ecco come vorrei intitolarla la mia  nuova rubrica. Ma al clamoroso ritorno del Profeta nessuno pare averci minimamente pensato.

 

About Maurizio Di Fazio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*