Grasso: sulle stragi troppi profili ancora oscuri

Da il 26 maggio, 2013

“Le sentenze hanno accertato le responsabilità degli esecutori e di parte dei mandanti, quelli mafiosi naturalmente. Hanno confermato che le stragi erano parte di un programma della mafia per scuotare dalle fondamenta l’ordine pubblico, per influenzare una situazione politica ed economica incerta. Per la prima volta, nelle sentenze di Firenze si è usata l’espressione terrorismo mafioso”

About rainews24

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*