IL B-SIDE ARTISTICO DEL CANTANTE DEGLI INCUBUS

Da il 30 settembre, 2014

tumblr_mfdfosUELz1r2j32xo1_1280La Galleria “Rossmut” di Roma presenta “DOORWAY TO IDENTITY”,

doppia personale di Brandon Boyd, frontman della celebre band americana “Incubus”,

e Seven Moods, aka Marco Pisanelli, batterista dei “Tiromancino”.

La nuova mostra inaugura con un vernissage giovedì 30 ottobre alle 19 nello spazio di Trastevere, in Via dei Vascellari 33.

“Doorway to identity” rispecchia un gioco tra due identità di artisti/musicisti che si confrontano a loro volta con quelle dei soggetti che animano le opere: Brandon Boyd e Seven Moods, in maniera totalmente simmetrica, dividono la loro vita tra arte e musica, con una produzione artistica che, nonostante le specificità individuali, vede le rispettive opere comunicare tra loro. Le opere presenti in mostra saranno tutti lavori inediti per entrambi gli artisti; sono opere connotate in maniera decisa dai rispettivi linguaggi che li rappresentano.

Come scritto dalla curatrice, Loretta Di Tuccio, nel testo critico che accompagna la mostra: “Diversa è la tecnica utilizzata dai due artisti, olio e acqua scorrono su due linee parallele che convergono idealmente nella creazione di un ponte con il proprio immaginario. Nella serie di opere su carta, il tratto meticoloso di Boyd procede verso la ricerca di una correlazione che dichiara l’identità umana come parte di un unicum inscindibile con gli elementi che la circondano. In un alternarsi di astratto e concreto, le sue figure emergono da pazienti labirinti dove il segno, come in un lavoro topografico, delinea ipotetici paesaggi tracciando una sorta di geografia umana. Se per Boyd matrice è la natura, fonte generatrice di forme pure e ripetibili in quel tema ambiguo ed infinito che è l’identità, per Seven Moods il ri-conoscimento avviene attraverso il simbolo e l’enigma. I volti delle sue donne si rifugiano in una identità surreale, onirica, in uno spazio altro, un piccolo palcoscenico fantastico popolato da animali, pianeti e simboli alchemici che conferiscono un carattere velatamente misterico ai suoi lavori. Seppure con una resa estetica differente, legata alle specificità visionarie dei due artisti, ed ai relativi impianti narrativi, le loro opere compongono un percorso in cui le identità figurative non sono le uniche a dialogare tra loro; la simmetria è trasposta sul piano del reale e vede le rispettive personalità intrecciarsi sotto il segno della musica”.

Il vernissage sarà un vero e proprio evento, che vedrà la presenza di entrambi gli artisti e sarà un’occasione per incontrare l’artista Brandon Boyd che firmerà anche le copie del suo ultimo libro, “So the Echo”.

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*