Il MAXXI ferma il docufilm di Emmott: “Rischio di valenza politica”

Da il 1 febbraio, 2013

Melandri: “Dico no e non cambio”. Niente politica al museo in campagna elettorale. Il Maxxi di Roma, fondazione vigilata dal ministero dei beni culturali e presieduta da Giovanna Melandri, ha spiegato agli organizzatori dell’anteprima italiana del film di Bill Emmott e Annalisa Piras di dover ospitare Girlfriend in a Coma in una data successiva alle elezioni politiche

About rainews24

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*