PENNE NERE, l’INNO PER L’AQUILA

Da il 16 dicembre, 2014

raduno-degli-alpiniGiovedì 18 Dicembre alle 17.30 nell’Auditorium del Parco dell’Aquila,

concerto di presentazione del disco PENNE NERE PER L’AQUILA,

con i Cameristi dell’ISA. Direttore e solista Ettore Pellegrino.

IL DISCO contiene quattro brani:

1 Inno di Mameli (Goffredo Mameli Michele Novaro – arr. per violino e archi di Roberto Molinelli) dedicato al M° Pellegrino

2 Penne nere per L’Aquila (musica Roberto Molinelli testo Francesco Sanvitale)

3 Signore delle cime  (Giuseppe De Marzi arr. Roberto Molinelli)

4-15 Le quattro Stagioni  (Antonio Vivaldi Ettore Pellegrino direttore e solista) 

 La musica è il simbolo dell’unione, della fratellanza. Riecheggia nella storia il canto tipico degli alpini in guerra come in tempo di pace. L’omaggio più prezioso che si potesse esprimere, per l’Adunata dell’Aquila 2015, è l’inno Penne nere per L’Aquila, un brano di altissimo profilo artistico, voluto dal Comitato Aspettando L’Aquila 2015 coordinato da Carlo Frutti, e realizzato grazie alla perizia dei Cameristi dell’orchestra sinfonica abruzzese e due prestigiose firme, quella del maestro Roberto Molinelli, autore della musica e quella del professore Francesco Sanvitale che ha scritto il testo.

All’ombra del Gran Sasso tornerà a riecheggiare un canto dedicato al Corpo che ha segnato il passo della storia e che torna all’Aquila per ridonarle fulgore, dopo “quel triste Aprile” in cui gli alpini, ancora una volta in prima linea, hanno teso la mano alla città ferita. Questo disco rappresenta il perfetto connubio tra la cultura musicale abruzzese e il mondo degli alpini. Due mondi diversi eppure tanto vicini e uniti.

IL TESTO DELL’INNO

PENNE NERE PER L’AQUILA

Da tempi ormai sognati

All’ombra del Gran Sasso

Mille e mille ragazzi

Impararono il passo

Che battea la Montagna

E che insegnava l’onor.

Ritornello

Penne Alpine, Penne Alpine

Ridoniamo all’altera città

La forza del coraggio,

La gioa e lo splendor.

Voli, voli L’Aquila

Voli L’Aquila ancora

Dall’antica città!

 

Ritornello

Penne Alpine, Penne Alpine

……………………………….

II

E si creò l’Italia

Mentre tra sangue e fango

Noi cantavamo in trincea.

Poi su steppe ghiacciate

Di valore armati

Forti con chi ci tradì.

Ritornello

Penne Alpine….

…………………….

III

Ed in quel triste Aprile,

usi sempre a servire

non solamente in guerra,

fummo tra i primi noi

a recare conforto

urlando: alzati con onor!

 

Ritornello (facoltativo)

Penne Alpine…

………………… 

Finale

Oggi rechiamo speranza

Battendo uniti il passo

D’ognun la penna

Vola sull’ali della vita nuova!

 

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*