ECCO LO SCHIACCIANOCI SECONDO PAGANINI

Da il 15 gennaio, 2015

Undicesimo appuntamento della 49esima Stagione Concertistica della Società del Teatro e della Musica “L. Barbara”,
con un classico del balletto:
venerdì sera, 16 gennaio alle 21 al Teatro Massimo di Pescara,
fuori abbonamento,
Vittorio-Galloro-Arianne-Lafita
la Compagnia Nazionale diretta da Raffaele Paganini
presenta
LO SCHIACCIANOCI
con la partecipazione di Vittorio Galloro e Arianne Lafita Gonzalvez, étoiles del Balletto Nacional de Cuba, 
e i Solisti della Compagnia Nazionale.

Musiche di P.I. Ciajkovskij
Coreografie originali di M. Petipa – Regia di Luigi Martelletta. 
La trama del balletto Lo Schiaccianoci è tratta da una favola borghese di Hoffmann: durante la vigilia di Natale, il sindaco indice una festa per i suoi amici e per i loro piccoli figli. Questi, in attesa dei regali e pieni di entusiasmo, stanno danzando quando arriva il signor Drosselmeyer, un amico di famiglia, che porta regali a tutti i bambini, intrattenendoli con giochi di prestigio.
Alla sua prediletta, Clara, regala uno schiaccianoci a forma di soldatino che Fritz, il fratello della bambina, rompe per dispetto. Arrivano anche i parenti, che si uniscono alla festa danzando. Clara, stanca per le danze della serata, si assopisce seduta su una sedia e inizia a sognare.
Il sogno di Clara si trasforma in un incubo, il principe (lo schiaccianoci) correrà in suo soccorso per salvarla, la porterà in un luogo magico, e qui le bambole prenderanno vita con un divertissement allegro, divertente e colorato.
Clara alla fine rimane sola, ripensando al suo incubo così tanto avventuroso e così tanto reale.
La regia, a cura di Luigi Martelletta, ha eliminato i risvolti più inquietanti del racconto, a favore di una formula spettacolare che esaltasse maggiormente lo spirito favolistico. La drammaturgia è profondamente innovativa, anche nel senso della scelta dei temi, ogni personaggio sarà tratteggiato secondo scansioni psicologistiche di forte impatto teatrale. Anche se con una formazione più snella lo spettacolo ripercorrerà comunque quell’itinerario danzato che molti conoscono e si aspettano; non mancheranno infatti le danze più note di questo capolavoro di Ciajkovskij: la danza russa, cinese, araba, spagnola, il famoso valzer dei fiori, i fiocchi di neve, ecc… mantenendo così la struttura e la regia che il grande coreografo M. Petipa già alla fine dell’ottocento aveva previsto.
Gli interpreti sono due artisti di fama mondiale: Vittorio Galloro e Arianna Lafita Gonzalves, Etoilès del Balletto di Cuba che, insieme agli artisti della Compagnia, ci proporranno questo originale e suggestivo spettacolo.
 

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*