IL BELEM TRIO NEL CASTELLO

Da il 29 novembre, 2014

Belém Trio - da sinistra Diego Bracaccio - pianoforte -  Luca Luzi - batteria - Filippo Macchiarelli - basso -Tra melanconia e dinamismo:

la musica del Belém Trio per la prima volta in Abruzzo, oggi, sabato 29 novembre, alle 18 nello splendido Castello Chiola di Loreto Aprutino. Con ingresso gratuito, fino a esaurimento posti.

All’interno dei “Sabato in concerto”, la meritoria rassegna organizzata dagli Archivi sonori di Maurizio Rolli.

Filippo Macchiarelli al basso, Diego Brancaccio al pianoforte e Luca Luzi alla batteria, presenteranno il cd Karabash. I brani dell’album prodotto dall’etichetta tedesca Neukland sono stati inseriti in pianta stabile nei palinsesti delle maggiori radio olandesi e tedesche.

“Una breve fuga di due giorni a Lisbona per ricaricami e andare a caccia di nuovi spunti – dice il bassista Filippo Macchiarelli –: ero insieme a Luca, il batterista del gruppo, siamo rimasti incantati da quel luogo magico, Belém, il punto più importante, quello di partenza per gli esploratori del ‘500. Quel nome era ideale per il gruppo che volevamo formare. La nostra musica vuol essere infatti esplorazione, per vedere dove si può arrivare: il percorso è fatto di arricchimento e contaminazioni”.

Che tipo di concerto sarà quello di sabato? E parlaci di questo cd: “La nostra musica rappresenta un punto di contatto tra tre differenti anime musicali con background distinti che spaziano dal jazz, al rock, al progressive, alla musica classica e al funk. Lo sperimentalismo compositivo che permea “Karabash”, il nostro primo disco, è stato determinato dalla volontà di registrare un disco jazz che descrivesse una introspettiva e chiaroscurale narrazione delle nostre emozioni, idee e vissuti musicali, maturati gradualmente in una visione compositiva comune. L’atmosfera chiaroscurale dei nostri brani si riflette in un’alternanza tra un irriverente dinamismo e un’intensa e morbida melanconia, ben ancorati al progressive e al modern jazz”.

 

 

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*