CLAUDIO SANTAMARIA OGGI AL MASSIMO

Da il 11 aprile, 2012

Stasera dalle 21 al Teatro Massimo di Pescara l’attore (e sex symbol) Claudio Santamaria sarà protagonista dello spettacolo teatrale “Occidente Solitario”, scritto dal dissacrante commediografo inglese contemporaneo Martin McDonagh. Insieme a Claudio Santamaria, sul palco Filippo Nigro, Nicole Murgia e Massimo De Santis. La regia è di Juan Diego Puerta Lopez. La compagnia teatrale è quella de “Gli ipocriti“, Associazione teatrale pistoiese.

Occidente Solitario mette in scena il perenne alterco tra due fratelli, Coleman e Valene, il cui padre è appena morto per un colpo di fucile. Valene è interessato unicamente alle sue statuine religiose e a bere whisky che gli viene fornito a domicilio da una giovane chiamata “Ragazzina”. Coleman pensa soltanto a mangiare, partecipa persino a tutti i funerali del paese per riuscire a degustare gratuitamente salsicce e rustici. Un giorno Padre Welsh, parroco della comunità, trova nel lago il corpo di Thomas Hanlon che si è appena suicidato: Valene lo aiuta a tirarlo fuori. Intanto, Coleman, rimasto solo in casa, per dispetto distrugge tutte le statuine di Valene, gettandole nel nuovo forno. Padre Welsh è l’unico che prova a risolvere il rapporto conflittuale tra i due fratelli, ma i suoi consigli restano inascoltati…
 In un mondo immerso nella crudeltà, nell’aggressività e nella disperazione, portando all’estremo i rapporti tra i personaggi si arriva a un livello di assurdità pura e semplice. Su questo livello il dramma diventa una commedia nera, dove il delirio e la stravaganza sono tessuti delicatamente attraverso un umorismo eccentrico, cinico e ironico. La storia è ambientata  in un piccolo villaggio dell’ Irlanda, ma non in quanto rappresentativo di se stesso: è, piuttosto, un luogo universale dove i personaggi e i fatti raccontati sono simbolici di una società di disadattati in una condizione di solitudine e indifferenza. Come disse Samuel Beckett:  “Non c’è niente di più comico dell’infelicità”.

About gianluca.difazio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*