FRANCESCO VEZZOLI SUPERSTAR

Da il 17 settembre, 2013

lady-gaga_moca_los-angeles_moca-new_30th-anniversary_gala_damien-hirst_piano_butterfly_francesco-vezzoliFino al 24 novembre al Maxxi di Roma è visitabile una Personale dedicata a Francesco Vezzoli,

tra le più grandi star dell’arte internazionale contemporeanea.

A cura di Anna Mattirolo.

Pensate che soltanto nell’anno corrente, oltre quella in corso al Maxxi, Vezzoli è protagonista di altre due Personali: una al Moma Ps1 di New York, un’altra al Moca di Los Angeles.

Tre mostre autonome ma connesse nel progetto The Trinity, nato dalla collaborazione tra le tre istituzioni internazionali per esplorare e presentare al pubblico aspetti diversi e fondamentali del lavoro dell’artista e la sua evoluzione.

Attraverso oltre novanta opere, alcune esposte per la prima volta, Galleria Vezzoli racconta il percorso artistico di Vezzoli, dai primi ricami del 1995 agli arazzi, le fotografie e i video più recenti, fino alle ultime sculture in marmo.

Con un approfondimento sull’autoritratto, che rimanda alle quadrerie dei musei d’altri tempi.

Il titolo stesso della mostra si ispira, con leggerezza e ironia, alle grandi Gallerie romane del passato: suggerisce l’atmosfera sontuosa dei musei ottocenteschi e anche una riflessione sul ruolo del museo contemporaneo.
Per l’occasione le gallerie del MAXXI sono state completamente trasformate: damasco rosso, boiserie, stucchi, nicchie e sculture classicheggianti hanno ridisegnato gli spazi progettati da Zaha Hadid creando, in una sorta di “impertinente violazione”, un museo nel museo.

Ricami a piccolo punto, video, fotografie, sculture, le opere dell’artista bresciano sono trame di riferimenti, citazioni che utilizzano frammenti del cinema d’autore, della produzione hollywoodiana e di quella televisiva, della storia dell’arte, della moda e della politica, attingendo tanto dalla cultura “alta” quanto da quella popolare. Traendo spunto da temi appartenenti all’immaginario collettivo, Vezzoli si appropria dei meccanismi della comunicazione mediatica e, attraverso un complesso progetto di tessitura dei codici linguistici, ne smaschera i sistemi, le logiche, i meccanismi.

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*