GIANNI PITTA, LA FORZA ESPLOSIVA DEL COLORE

Da il 21 marzo, 2012

Gianni Pitta nasce a Lucera 2 agosto 1963, dal 1984 al 1991 vive e studia a Milano dove si laurea in Architettura al Politecnico, con una tesi in Storia della città e del territorio. Appassionato del colore, durante gli anni universitari sperimenta nuove tecniche di rappresentazione architettonica e aderisce al Gruppo Sinestetico Internazionale. Al suo ritorno a Lucera, fonda con altri giovani artisti l’associazione Alternativa Arte.

Il lavoro di Gianni Pitta spazia dalla pittura alle installazioni, riutilizza vecchi giocattoli e materiali quali legno, ferro e polistirolo destinato allo smaltimento.

Il quadro “DIALOGHI” misura 100×150; acrilico e smalti su pannello. Appartiene ad una mostra intitolata Glicemia, quest’ultima personale, una glicemia che non si riferisce certo al grado di concentrazione di glucosio nel sangue, ma piuttosto all’alta concentrazione di colore nelle sue opere. L’emozione e l’energia vitale sono i cardini fondamentali della sua arte. I colori primari, vivaci e violenti, sono per l’artista il primo passo verso la perdita dell’io, la perdita di se stesso e della sua condizione e anche noi, di fronte alle sue opere, ci perdiamo nella vastità di un mondo che Gianni costruisce forse inconsapevolmente, forse lui stesso vittima della sua arte. La sua è una pittura spontanea e aggressiva, impulsiva e diretta che emoziona, infonde energia, anche grazie alla forza esplosiva del suo colore. Nella sua arte c’è un qualcosa di puerile, fanciullesco, quasi volesse tornare a una pittura primordiale e ancor di più a qualcosa di sperimentale, volto a rompere l’ordinario, la routine. Le forme, prevalentemente distorte, portano consapevolmente quasi a uno stordimento dei sensi, in chi decide di osservare un suo quadro e perdersi nel suo mondo. Non una spiegazione razionale per le sue opere: tutto istinto, sentimento, oblio. Anche qui vediamo due figure delinearsi nel vortice di colori che mirabilmente si fondono tra loro. Gianni  vuole invadere gli spazi con i suoi colori, vuole investire gli animi di sensazioni forti , quasi scioccanti. Guardiamo le sue opere curiosi di conoscere il suo mondo ma ancor più di scoprire l’impatto che esse hanno e avranno su di noi.

About Simona D'Onofrio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*