IN MORTE DELL’ARTISTA DA GIOVANE (GRADITO ABITO NERO)

Da il 23 settembre, 2013

FUNERALEQuesto venerdì dalle 19.30 l’anti-artista Flavio Sciolè chiude l’Artcevia International Art Festival con una performance che è la seconda stazione del progetto ‘In Morte Dell’Artista Da Giovane’.

L’installazione, a luglio, era stata l’anteprima della rassegna e ha, in questi mesi, destato interesse sia per la tematica affrontata che per la modalità in cui è proposta.

L’instAllazione è relativa alla figura dell’Artista Giovane, spesso mitizzata, troppe volte sfruttata. Entrando in una stanza-camera da letto, guardando in alto, scopriamo un corpo/manichino impiccato. Quello che si vuole manifestare è la condizione dell’Artista Giovane, sfruttato, vilipeso, deriso, aiutato mai. Lasciato morire nella propria intransigenza viene accolto solo se decide di cedere/vendersi. In questo caso lo troviamo col cappio al collo, suicidato.

La seconda stazione del progetto si intitola ‘Funerale’ . Il manichino-artista verrà deposto, cullato come in una pietà, messo in una bara, portato in corteo e sepolto. Si tratta di una performance-azione di forte impatto che verrà realizzata venerdì 27 Settembre.

 La mostra ed il testo critico sono a cura di Laura Coppa. Nel realizzare la performance Sciolè si avvarrà del supporto dello scenografo Stefano Boffi che ha realizzato il feretro e di Alessia Di Pancrazio (che agirà come Madre).

Flavio Sciolè agisce da oltre venti anni nel teatro di ricerca, nel cinema sperimentale e nella performance. Ha partecipato a centinaia di rassegne, mostre, festival (Biennale D’Arte di Venezia 2007, Romaeuropa 2010) ed ha ricevuto premi, retrospettive, scritti.

Ad agosto ha presentato la sua nuova performance ‘Milk 1970’ a Pescara.

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*