L’INCORONAZIONE DELLA VERGINE: PHILIPPE DAVERIO A GUARDIAGRELE

Da il 15 dicembre, 2012

imageDomenica mattina alle 11 presso il Cinema Garden di Guardiagrele, avrà luogo la presentazione de “L’incoronazione della Vergine” di Nicola da Guardiagrele, copia realizzata per il portale del Duomo di Santa Maria Maggiore. L’incontro, voluto da Pietro Rosica, vicepresidente dell’Ente Mostra dell’artigianato artistico abruzzese, e dal Presidente dell’Ente stesso, Gianfranco Massibilio, sarà animato dagli interventi di due illustri studiosi e artisti italiani: l’inimitabile Philippe Daverio, storico dell’arte e celebre curatore del programma televisivo Passepartout, e Gianfranco Gorgoni, il fotografo che ha fatto la storia della pop-art americana.

L’evento si iscrive nell’innovativo progetto Cult road, il percorso culturale sui luoghi di culto in Abruzzo, che partendo proprio dal recupero e dalla valorizzazione delle opere del celebre maestro del gotico medioevale Nicola da Guardiagrele, intende suscitare nelle giovani generazioni – ma anche, soprattutto nella sensibilità produttiva locale e nazionale -, il desiderio di sviluppare il senso della manualità nella sua forma più elevata, rappresentata dalle opere di grandi artigiani e artisti abruzzesi.

Con “L’incoronazione della Vergine” la lunetta del portale gotico di Santa Maria Maggiore in Guardiagrele, risalente al XV secolo, torna agli antichi fasti, attraverso un particolarissimo lavoro di copiatura, commissionato dall’industriale Pietro Rosica a un team esperto di laboratori industriali, con l’impiego delle più sofisticate tecnologie, dall’impressione fotografica sull’originale medioevale (la cui pietra, quella della Maiella, è stata seriamente provata dal passare dei secoli), al calcolo matematico delle proporzioni, fino alla realizzazione degli stampi e la colata a pressione in bronzo.

Il gruppo scultoreo originale fu realizzato in pietra della Maiella nel 1430 da Nicola da Guardiagrele, fino al 2000 collocato nella lunetta del portale di Santa Maria Maggiore; l’opera è oggi conservata nel Museo del Duomo, messa in sicurezza necessaria per preservarla dal logorio del tempo.

Ruolo strategico e eminentemente intellettuale all’interno dell’intera operazione, è quello di Gianfranco Gorgoni, che si è occupato del reportage fotografico dei lavori, e di Philippe Daverio, che ha abbracciato con entusiasmo la tipologia di recupero “tecnologico” promossa da Pietro Rosica.

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*