NANNICOLA TORNA ALL’AQUILA CON UNA MOSTRA “EUCARISTICA”

Da il 29 luglio, 2014

02 - Sergio Nannicola - Piatto del cratere sismico - Installazione - 2013Artista: Sergio Nannicola

Mostra Antologica (dagli Anni Ottanta al 2014): Rinascere con l’arte

Luogo: L’Aquila, Palazzetto dei Nobili

Inaugurazione con performance “NutriMenti – Il sapore della forma”: sabato 2 agosto ore 18

Durata: 2 / 17 agosto

Orario d’apertura: 10-12,30 / 17,30-19,30

 Sergio Nannicola  è docente presso l’Accademia di Belle Arti di Brera Milano, e L’Aquila è la sua città natale. 

Promossa e organizzata dall’Associazione ARTE e con il Patrocinio del Comune di L’Aquila, quest’antologica raccoglie un nutrito numero di  opere (progetti, disegni, sculture-oggetto, installazioni, video) realizzate dagli Anni Ottanta ai giorni nostri. La mostra si porrà quindi come un aggettante ponte ideale teso tra le opere degli Anni ‘80 dell’“artista giovane” che nel capoluogo abruzzese ha tenuto l’ultima mostra personale circa tre decenni fa, e quelle dei tempi più recenti dell’“artista maturo” presente in prestigiose collezioni d’arte ed esperienze espositive nazionali e internazionali. Tra queste, un “piatto del cratere sismico” (in foto).

La prevista performance relazionale “NutriMenti – Il sapore della forma” consentirà agli intervenuti all’inaugurazione di partecipare ad un propiziatorio rito collettivo di riappropriazione fisica, civica e culturale del Centro Storico distrutto dal sisma del 2009, attraverso una sorta di condivisione eucaristica che prevede la degustazione di cibi che riproducono formalmente la pianta storica medievale disegnata, per primo, nel 1575 dal matematico-architetto Pico Fonticulano.

Sergio Nannicola è nato nel 1958 a L’Aquila. Dopo gli studi presso l’I.S.A. e l’Accademia di Belle Arti dell’Aquila inizia negli anni Settanta un’attività artistica che lo ha portato a partecipare a numerose esposizioni nazionali ed internazionali. E’ titolare della cattedra di Decorazione presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Attualmente, la sua ricerca artistica sottintende lo studio di quei fenomeni che si rivelano nell’ambito del sociale attraverso meccanismi paradossali che trovano spazio soprattutto nella comunicazione mediatica. L’attenzione dell’artista è rivolta verso quelle forme di speculazione che in nome di verità relative controllano e manipolano la realtà. L’interesse  verso le dinamiche sociali e verso il territorio naturale si realizza attraverso opere di vario genere che vanno dai progetti di opere ambientali alle installazioni, ad oggetti eterogeneamente prodotti.

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*