ASPETTANDO RE PLACE 3: LA VIDEOARTE ILLUMINA L’AQUILA

Da il 12 dicembre, 2012

Da venerdì a domenica, a L’Aquila, Rebecca Luciana Russo, psicologa e collezionista d’arte, racconta con i video di importanti artisti internazionali i temi della crisi e della rottura, della ricostruzione e della rinascita.

Aspettando RE PLACE 3 è il nome dell’iniziativa.

Appuntamento nel  Museo MUSPAC – Museo Sperimentale d’Arte Contemporanea de L’Aquila (Via Ficara Piazza d’Arti), diretto da Martina Sconci, con una selezione di sei opere a cura di Santa Nastro. Si tratta della giovane artista americana Cheryl Pope con il video Stacks (2010), di Schegge di incanto in fondo al dubbio, degli italiani Masbedo (2009), di Weak Rot Front  di Viktor Alimpiev (2010), di Passaggi di Alice Cattaneo (2007), di The Galactic Pot Healer di Shana Moulton (2010), di Dance Company di Ali Kazma (2010). Le proiezioni avverranno in quest’ordine, due per giorno, nel corso delle tre giornate, alle ore 18.

In Stacks la Pope raccoglie sopra un tavolo piatti, ciotole e tazze, creando delle pile instabili. L’eco del loro inevitabile collasso risuona nello spazio della sala, che viene scossa dal fragore del crollo. Schegge d’incanto in fondo al dubbio del duo milanese formato da Niccolò Massazza e Jacopo Bedogni è stato tra le opere più apprezzate del Padiglione Italia alla 53. Biennale di Venezia, con le sue atmosfere cariche di lirismo che portano all’estremo le proprietà della videoarte, mentre Alimpiev, tra i protagonisti del Festival del Cinema di Venezia del 2010, in Weak Rot Front  chiede agli attori di compiere delle azioni semplici che si svolgono in maniera pedissequa, fino allo sfinimento. La Cattaneo, finalista al premio Furla e protagonista della Quadriennale di Roma nel 2008, in Passaggi interagisce con il proprio corpo. Nel  The Galactic Pot Healer dell’americana Moulton ritorna il tema della frattura dello spazio domestico, mentre con Dance Company continua l’esplorazione dell’artista turco Ali Kazma sulla vita umana e sulle attività che essa compie, sui processi che la riguardano.

Venerdì alle 18 Rebecca Russo si confronterà con il pubblico aquilano in una speciale serata Videoinsight®, interagendo a livello psicologico con le opere d’arte e invitando gli spettatori a partecipare con le proprie riflessioni e sensazioni.

“Aspettando RE PLACE 3” costituisce un primo, importante appuntamento verso RE PLACE che tornerà a L’Aquila nel 2013. Dopo due edizioni che hanno invitato importanti artisti a realizzare installazioni per “illuminare” il centro storico chiuso e disabitato dopo il sisma del 2009, la terza edizione – ideata da Germana Galli, organizzata dall’Associazione Amici dei Musei d’Abruzzo – intende sviluppare il suo racconto de L’Aquila, della sua memoria e del suo futuro, aprendolo a nuove, ulteriori prospettive. La luce e i linguaggi contemporanei rimangono il filo conduttore, e si traducono in un progetto permanente di lighting design che RE PLACE intende offrire alla città e ai suoi abitanti. In attesa che il progetto venga presentato all’inizio del 2013, accompagnato dai laboratori con gli studenti che fin dalla prima edizione animano l’iniziativa, l’arte continua a essere un terreno di dialogo, confronto, sperimentazione fondamentale del percorso di RE PLACE.

 

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*