TU SEI MIO FRATELLO: I LEGAMI SECONDO I GUASCONI

Da il 12 febbraio, 2016

 

sophie-1Secondo appuntamento del Festival “La Cultura dei Legami”, che segna il ritorno a Pescara del Teatro Immediato di Edoardo Oliva, dopo il lungo e involontario “esilio” che conoscete.

Domenica 14 febbraio allo spazio Matta in via Gran Sasso 35, alle 18 va in scena il secondo spettacolo in cartellone: “Tu sei mio fratello” della Compagnia dei Guasconi. Che narra una storia spezzata in due: da un lato Hebron, culla dei Patriarchi, i padri delle tre grandi religioni monoteiste; dall’altro Sarajevo, città sconvolta dalla guerra fratricida degli anni novanta. Per ricordare la magia e la poesia del vivere “mischiati”. Anche questa è erranza.

In un’epoca di frammistioni culturali, in cui le distanze tra paesi e popoli si sono drasticamente ridotte e  dove gli spostamenti sono diventati facilissimi, assistiamo ad un risorgere di  irredentismi e furori nazionalistici. In molti paesi, soprattutto europei, si fa strada la paura di possibili mescolanze culturali ed etniche. Eppure esisteva, e in parte esiste ancora, una realtà come quella di Sarajevo, città multiculturale dalla notte dei tempi e delle nazioni. Alcuni storici ritengono che il multiculturalismo di Sarajevo fosse legato ad una condizione storica pre-moderna, ad intendere che nella modernità comunque non può esserci spazio per realtà come quella della capitale bosniaca. Alcuni sostengono che la definizione “Gerusalemme d’Europa” sia solo il frutto di una visione oramai romantica di Sarajevo. Altri ancora hanno voluto sminuire, forse, qualcosa che oggi, molto più di ieri fa paura.

A Sarajevo un artista italiano, abruzzese di Nereto, Francesco Perilli ha installato una scultura bronzea intitolata “Simbolo monumentale del multiculturalismo “ alla base della quale è poi scritta una frase in due lingue,  italiano e bosniaco, “L’uomo multiculturale salverà il mondo”.

Lo spettacolo dei Guasconi “ Tu sei mio fratello” muove da questo preciso assunto.

Per info e prenotazioni: info@teatroimmediato.it oppure chiamare allo 3336530249

 

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*