ZEMANLANDIA,STASERA IL FILM (DEL GRANDE FILM)

Da il 18 maggio, 2012

L’appuntamento, organizzato dalla libreria Primo Moroni e da Movimentazioni, è stato intitolato “Piazza di Maggio – l’Aperitivo doc“. Aperitivo nel senso di aperitivo, doc nel senso di documentario, e stasera dalle 21 alle 24, en plen air, nei giardinetti di Piazza Santa Caterina da Siena a Pescara, alla presenza del regista, per la fregola dei tanti suoi legittimi cultori, compreso chi vi scrive, sarà proiettato il film “Zemanlandia, di Giuseppe Sansonna. Meglio prenotare un tavolo però (0854429521), si stanno esaurendo come le difese delle squadre che hanno la sventura di giocare contro il Pescara quest’anno. E viene preannunciata una grande sorpresa: che si presenti il prodigioso allenatore boemo, in carne, humour, sigaretta e ossa?

M.s. (middle scritpum): Indovinate chi ha potuto dichiarare, in settimana “Non cerco rivincite. La mia più grande soddisfazione? Essere applaudito quando perdo“.

Trama del film Zemanlandia. “All’inizio degli anni novanta un squadra di provincia approda in serie A e sconvolge il calcio italiano. E’ il Foggia di Zdenek Zeman.Il boemo allena all’uso sfacciato della zona un manipolo di sconosciuti, reclutati per un tozzo di pane nelle serie minori; e loro provocano sudori freddi a squadroni costati miliardi. Segnano e incassano valanghe di gol, divertendo e divertendosi. La squadra è una meravigliosa creatura con due padri: il vulcanico presidente Casillo e lui, l’uomo di Praga. Trench alla Humphrey Bogart, sigaretta eternamente appesa al labbro e palpebra a mezz’asta, Zeman spiazza la stampa sportiva con pause interminabili e risposte impassibili. Sottopone i giocatori a fatiche disumane, esercizi estenuanti perché in campo possano volare. Il tormento dei calciatori si riscatta nella bolgia del piccolo stadio Zaccheria, dove si consuma l’estasi domenicale…”.

Che grazie a Zeman si è trasferitA ormai in campo stabile allo Stadio Adriatico Cornacchia.

E domenica, al Marassi, riprendiamoci la serie A.

About Maurizio Di Fazio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*