Domenica da non perdere “In nome del padre”, con Mario Perrotta

Da il 31 Gennaio 2020

Domenica 2 febbraio alle 18, al teatro Cordova di Pescara, va in scena “In nome del padre”, di e con Mario Perrotta, già premio Ubu, da anni uno degli astri più luminosi del teatro contemporaneo italiano. Lo spettacolo rientra nel cartellone del festival “La cultura dei legami”, ideato e diretto da Edoardo Oliva del Teatro Immediato in collaborazione con la fondazione Aria, il Comune di Pescara, il TSA e la Laad. Biglietti: Intero € 12, ridotto € 10.
In “In nome del padre” Mario Perrotta, accompagnato nella drammaturgia dal supporto psicanalitico di Massimo Recalcati, veste i panni paterni nel primo capitolo di una nuova trilogia dedicata alla famiglia. «Padre è una parola che riempie il mio quotidiano di nuove sfide e preoccupazioni. Ho bisogno di ragionarci attraverso gli strumenti che riconosco miei per inchiodare al muro i padri sbagliati che vorrei evitare di essere» scrive nelle note di regia. Con ironia e sarcasmo, «per esorcizzare queste mie paure», Perrotta proietta e sintetizza «nel corpo di un solo attore tre padri diversissimi tra loro per estrazione sociale, provenienza geografica e condizione lavorativa». Tutti e tre di fronte a un muro: la sponda del divano che li separa dal figlio. «Gli adolescenti sono gli interlocutori disconnessi di questi dialoghi mancati, l’orizzonte comune dei tre genitori maschili che, a forza di sbattere i denti sullo stesso muro, smussano le loro differenze per ricomporsi in un’unica figura».

Il festival “La cultura dei Legami” proseguirà domenica 9 febbraio con “Antropolaroid”, di e con Tindaro Granata, per la prima volta in Abruzzo.

About Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *