Heidi testimonial della cultura montana a Zurigo

Da il 14 Settembre 2019

HeidiHeidi testimonial della cultura montana a Zurigo

A Zurigo, al Museo Nazionale, è in corso fino al 13 Ottobre la mostra «Heidi in Giappone», che racconta il successo della ragazza delle Alpi, dalla Svizzera al mondo intero, passando per il Giappone. Un percorso attraverso un immaginario popolare paesaggistico e visuale.

 

Eventi, rassegne ed esibizioni si susseguono con un ritmo frenetico a Zurigo e capita anche che un “mito” dell’infanzia sia protagonista di una mostra a lei dedicata.

Heidi,

una bambina originaria delle montagne svizzere, diventa un personaggio famoso in tutto il mondo alla fine del XIX secolo,

quando l’opera di Johanna Spyri che ne racconta la storia, diventa un bestseller internazionale.

La cornice entro cui si svolgono le vicende della fanciulla sono le Alpi svizzere:

la rappresentazione della comunità rurale, della cultura montana, e dell’ambiente bucolico alpino, è

stata capace di attrarre numerosi viaggiatori, affascinati dal desiderio di natura e tranquillità.

Così, Heidi è diventata altresì veicolo di promozione turistica della Svizzera e continua ad esserlo oggi anche attraverso questa mostra.

Anche l’Italia ha amato le avventure della fanciulla, immedesimandosi in luoghi e usanze che si ritrovano in molte località montane e campestri lungo la penisola.

Il successo di Heidi arriva anche in Giappone dove, dopo la Seconda Guerra Mondiale,

  • inizia a nascere nella popolazione un vivo interesse per quel mondo alpino idealizzato,
  • in contrapposizione alla crescente economia industriale giapponese.
  • Lì, Heidi viene definitivamente consacrata al pubblico mondiale grazie alla distribuzione nel 1974 di un anime
  • (come vengono chiamati i cartoni animati in Giappone)
  • prodotto da quattro ragazzi, due dei quali, Hayao Miyazaki e Isao Takahata, hanno in seguito fondato il famoso Studio Ghibli.

La mostra presentata al Museo Nazionale è il frutto della collaborazione con l’Università di Zurigo

e un team di esperti giapponesi guidato dai professori Aki Nishioka e Takashi Kawashima.

A Zurigo è dunque possibile, attraverso la mostra, rievocare una storia appartenente all’infanzia di molti e allo stesso tempo scoprire la genesi del suo successo, nato dalla commistione di due culture, quella Giapponese e quella Svizzera.

Link: https://www.landesmuseum.ch/heidi-in-giappone

 

Zurigo

Al centro dell’Europa e della Svizzera, affacciata sull’omonimo lago, attraversata dal fiume Limmat e attorniata dalle Alpi, Zurigo propone un’offerta unica che coniuga più di 50 musei, oltre 100 gallerie d’arte, boutique di prestigio di stilisti internazionali e zurighesi, numerosi ristoranti e locali trendy in particolare nei vecchi quartieri industriali riconvertiti, intensa vita notturna, avvenimenti per adulti e bambini. Una delle città con la miglior qualità della vita al mondo, Zurigo si raggiunge da Milano in sole 3 ore e mezzo di treno e un’ora d’aereo.

leggi anche:

Zurigo in estate si trasforma in un enorme parco acquatico

About Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *