TIC TAC (A CURA DELLA PIXAR)

Da il 2 aprile, 2012

«Indagine effettuata signor Scandurra, si può alzare dal lettino» a quel punto ho riaperto gli occhi, il suono ritmico della TAC era scomparso e mi si è parato innanzi un mondo colorato, quasi una scenografia fatta di fumetti.

Non credevo ai miei occhi, era vero quindi che sarebbe potuto accadere se ci si fosse immedesimati troppo o fosse stata sbagliata la quantità del “mezzo di contrasto non ionico”. Mi sono guardato attorno notando che le mie mani ed i miei vestiti erano diventati coloratissimi e mentre pensavo, stupito, i fumetti dei miei pensieri mi si materializzavano davanti agli occhi sospesi per aria..

Sono diventato un cartone animato!

Tutto era cominciato a causa di problemi legati al mio cuore che si era scoordinato e aveva bisogno di un controllo accurato per rimetterlo a posto tramite una indagine molto sofisticata da effettuare con una Tac di ultima generazione che avrebbe ottenuto un “imaging coronarico” rivelatore del problema nascosto.

Mi era stato spiegato che il software era lo stesso impiegato per la preparazione di realtà virtuale nella creazione di cartoni animati tridimensionali, quali Ratatouille e Bug´s life della Pixar, ma che non c’era pericolo di assuefazione.

Purtroppo io sono un creativo e mi sono lasciato influenzare.

Il guaio è che il mio problema è grave, forse dovranno farmi un trapianto di cuore ma i medici ridono, ridono perché sono diventato un cartone animato e quindi affermano che non c’è pericolo, l’intervento sarà effettuato ridisegnando il mio cuore e inserendolo nel torace tramite una semplice tavoletta grafica e quindi successivamente sarà colorato.

Naturalmente il tutto sarà descritto in un film della Pixar ed attorno a me agiranno tanti personaggi buffi e ci sarà da ridere a crepapelle e in fondo sono contento, sapete perché?

Perché nei cartoni animati non muore mai nessuno sul serio per cui, sono salvo e potrò stare con voi ancora per lungo tempo o almeno fin quando il film sarà dato in prima visione nei cinema.

Dopo, ci rivedremo nel circuito del noleggio.

Che bella la vita, adesso mi sento colorato e vivo in 3D!

About Concetto Scandurra

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*