VOCI DELLA MEMORIA A CITTÀ SANT’ANGELO

Da il 26 gennaio, 2014

imagesCAUHMWZ7VOCI DELLA MEMORIA

SPETTACOLO MUSICALE DEL CONVERGENZEPIANOENSEMBLE

ideato e curato dal M° Cristiana Arena e dal M° Simona Ampolo Rella

 Pianoforte:                 Simona Ampolo Rella e Cristiana Arena

Violini:                         Paola Ferella e Renato Marchese

Viola:                           Rocco De Massis

Violoncello:                Gustavo Bruni

Clarinetto:                  Roberto Torto

Voce recitante:          Alessandra Rogante

Appuntamento oggi pomeriggio, domenica 26 Gennaio alle 18 , presso il Teatro Comunale di Città Sant’Angelo.

In occasione della Giornata della Memoria 2014 il Teatro Immediato propone un fuori programma al Teatro Comunale di Città S. Angelo: il recital VOCI DELLA MEMORIA del ConvergenzePianoEnsemble, curato da Cristiana Arena e Simona Ampolo Rella.

Durante il recital la voce narrante, attraverso la lettura, senza soluzione di continuità, di scritti letterari, poetici e testimonianze storiche, guiderà il pubblico in un percorso di conoscenza interculturale, un viaggio attraverso mondi sonori, epoche,  generi e stili espressivi molto diversi tra loro, ma che s’intrecciano continuamente in un flusso musicale ricco di suggestioni e di reciproci rimandi. L’identità culturale ebraica in tal modo, si esprime e s’intreccia con quella eurocolta, in un continuo gioco di richiami dei quali la musica diventa l’espressione più pregnante e multiforme. I testi scelti appartengono alla produzione letteraria di B. Brecht, A. Frank, P. Levi,  N. Mandela, mentre le testimonianze storiche sono state raccolte e documentate dalla dott.ssa Sandra Renzi, dell’Università di Teramo. Ascolteremo Musiche di Castelnuovo Tedesco, Bloch, Spinelli, Ravel, Kovacs, Bruch, Prokofiev, Gershwin.

“Non mi chiamavo più Bassi, ma Bassini; non ero nato a Venezia, ma a Barletta; non avevo più dodici anni, ma dieci; non avevo frequentato la terza media, ma solo la quarta elementare; i miei genitori avevano vissuto a nord, per cui non parlavo più il dialetto pugliese, né potevo serbare ricordi di Barletta, che avevo lasciato a tre anni di età. In pochi minuti avevo rapidamente e opportunamente ridotto la mia vita precedente

Classica o popolare? Multicultura o centralità eurocolta? Entrambe le deinizioni. Per descrivere gli spettacoli che il ConvergenzePianoEnsemble mette in scena sarebbe riduttivo utilizzare le categorie di Concerto o Recital, meglio parlare d’incontro d’identità attraverso la contaminazione di generi musicali.

Il ConvergenzePianoEnsemble  nasce da un’idea del PescaraPianoDuo. A costituirlo sono musicisti classici di comprovata esperienza docenti presso i Conservatori di Musica di Fermo e Pescara. Animato e unito dalla comune passione per la ricerca di nuovi modi di espressione musicale attraverso i quali esplorare le commistioni tra musica e cultura classica e popolare, tra musica e narrativa e poesia, tra musica e storia. L’ensemble propone eventi che sono allo stesso tempo recital e azioni teatrali allacciando collaborazioni con artisti dalle più varie esperienze culturali. La musica classica viene considerata un repertorio storico da cui attingere per portare alla luce autori meno noti, opere poco conosciute dal grande pubblico, avviando un processo di ricerca e scoperta di nuovi mondi musicali.

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*