L’AMORE A UNA DIMENSIONE(SENZA PELI SULLA LINGUA, LEI)

Da il 9 gennaio, 2014

DDDdi ALESSANDRA VANITÈ

Sempre più spesso mi trovo a udire racconti poco dignitosi di storie pseudo amorose. Sono stata eletta Dottor(essa) Stranamore del 2014, e siccome portare certi fardelli sta diventando faticoso ho deciso di condividerli con voi tutti: prendete e leggetene, e magari, imparatene. 

Parliamo delle neo-storie. Parliamone proprio. Conosci qualcuno, lo frequenti, “ti ci metti insieme” (vado di slang giovanili) il tutto nel giro di un mese scarso e nella prima settimana del mese successivo LO AMI. Io credo che tu a malapena conosca il suo nome, cognome e indirizzo, però lo ami. Non sai il suo piatto preferito, il suo colore preferito, le sue mutande preferite, il punto del suo corpo che odia, quello che invece non cambierebbe mai. Però lo ami. Non sai se puoi mettere la cipolla nel sugo, il che per me è un gran problema perché ne metterei quintali, un sugo senza cipolla io mi rifiuto di mangiarlo. Non conosci le sue perversioni sessuali. Concedetemelo, io credo sia fondamentale accontentarsi sotto le lenzuola, senza doversi vergognare di chiedere. Non sai se la mattina sa dirti “BUONGIORNO AMORE MIO” stampandoti un gran bacio sulla fronte oppure fino al caffè praticherà una forma di mutismo-autismo che tu non saprai interpretare e comincerai a chiederti se stanotte l’hai potuto far irritare in qualche modo. (Tanto noi donne viviamo di paranoie, lo sanno tutti). Non sai se dorme a destra o a sinistra, se lascia spazio anche a te o se ti tocca dormire in 5 cm di cucitura di materasso, ma soprattutto non sai se questo potrebbe andarti bene, o crearti squilibri psichici da nonchiudoocchiodasettantaseiore e farti scappare a casa per dormire una settimana di fila svegliandoti con una sola domanda: “in che anno siamo?”. Non sai se puoi entrare in bagno a lavarti i denti mentre fa pipì. Però lo ami. Non sai se ha l’intimo più curato del mondo o se lo troverai con i calzini spaiati e spesso al contrario. Non sai se questo ti farà scappare per l’orrore o ti farà sentire la donna più felice del mondo perché lui è tutto storto ma non sarebbe lui altrimenti. Non sai se ha la stanza più ordinata della tua e quindi dovrai adeguarti per non fare la figura della sciattona oppure se ti toccherà ripiegare panni ogni sei secondi assomigliando sempre più alla brutta copia di cenerentola perché lui spargerà puntualmente tutto a terra dalla cucina alla camera passando per la sala, arrivando alla sera con una faccia sbattuta contornata da occhiaie da concorrenza a Fester Addams, più noto come Zio Fester sentendoti anche dire “minchia sei l’anti sesso!!”. Però lo ami, eh. Non sai se ha bisogno dei suoi spazi e quindi niente coccole davanti al divano perché lui ha la playstation nuova e guai a negargli la partita post lavoro oppure sarai tu a dover rinunciare al tuo nuovo libro che non vedi l’ora di divorare perché lui ti starà appiccicato e vorrà guardare ogni sorta di film esistente magari di fantascienza che tu non puoi tollerare ma farai finta di adorare pur di farlo felice, nonostante le occhiaie di cui sopra. Però lo ami. Non sai se quando litigherete sarà capace di comprenderti, se quando ci saranno problemi reali sarà in grado di affrontarli con te, non sai se lui le occhiaie per te se le farebbe venire pur di vederti sorridere. Però lo ami.

ENNO PORCA TROTA! Non diciamo eresie. L’amore è in tante cose, in mille minuscole cose, ma non nell’euforia dei primi mesi. Toglietevi l’espressione da pesci lessi dalla faccia e iniziate a fare sacrifici per l’altro se davvero li merita. L’amore sta lì, nel togliersi qualcosa per darlo all’altro, nel togliersela dentro, e regalarla a chi in cambio potrebbe non darvi nulla. Amare qualcuno non è mai pretendere qualcosa in cambio. E a questo bisogna essere pronti, tanto, tanto pronti.

“Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris. Nescio, sed fieri sentio et excrucior.” Catullo, carme LXXXV.

C

 

 

 

About Alessandra

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*