CAPAREZZA, GUIDA NEL MUSEO DELL’ESSERE UMANO

Da il 17 luglio, 2014

10522004_779030278813827_1665645586_nCaparezza, grazie all’organizzazione Onde Sonore, a Pescara.

Bambini, giovani e meno giovani, sono accorsi ad assistere a un vero show, anche se definirlo così rischia di farlo sembrare un live artificioso e fatto per il pubblico medio.

In realtà è stata una vera e propria Mostra – rimanendo nel tema dell’ultimo album del cantante “Museica” – nella quale sono state mostrate, oltre ai quadri e pittori che hanno ispirato i temi delle varie canzoni, le ipocrisie, le ossessioni e le paure non più di una generazione ma della società stessa, che rimane molto simile nel tempo, dagli anni ’60 in poi, con i suoi vizi ed i suoi sporchi giochi socio-politici.

Tutto ciò viene affrontato con la solita ironia Caparezziana, a volte sul punto di arrendersi, con riferimenti brillanti e ricercati e la recita di scenette che, seppur costruite, dimostrano chiaramente quanto sia autentica l’idea di fondo e non risultano quindi macchinose e forzate.

Un live costellato da splendide metafore, aiutate dalla scenografia e dalla sceneggiatura, che hanno fatto sì che, seppure siano stati in pochi a coglierle in toto, ogni sguardo fosse acceso e pronto per accogliere punti di domanda del tutto nuovi o magari arrivare direttamente alle risposte.

Dai più piccoli ai più adulti, ciò dimostra quanto la storia alla fin fine sia sempre uguale. E’ oltretutto bello notare come durante il live di uno dei big italiani venga pronunciata molte volte la parola “Verità”, con estrema coscienza e Autocoscienza.

Una lezione di storia dell’arte, storia della musica – soprattutto grazie alla canzone Cover -, storia dell’umanità e storia dell’individuo eseguita in un modo che anche i professori più riconosciuti dovrebbero invidiare.

About Laylla K. Gharbieh

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*