LA RIVOLUZIONE DELLE EMOZIONI: IL RITORNO DI BUONOCORE

Da il 12 luglio, 2013

image001Nino Buonocore, cantautore a se stante nel panorama musicale tricolore,
pubblica “Segnali di umana presenza” (Hydra Music/Goodfellas),

il suo nuovo album di (dodici) inediti, a ben nove anni dal precedente “Alti e Bassi”, pensato e realizzato per distribuirlo in mezzo mondo – dalla Francia agli Usa e Inghilterra, dal Brasile al Sud America e Spagna.

Un tempo cosi “dilatato” non è una novità nell’attività del cantautore ma, in questo caso, la lunga gestazione è servita a non lasciare nulla al caso, finalmente soddisfatto delle condizioni discografiche che gli permettono di proporre nella maniera migliore possibile il nuovo progetto: “ora tutto è cambiato, la musica è diventata “liquida” e non ci sono riferimenti discografici” per un artista che cura ogni minimo dettaglio, e cosi, per questo disco, ha curato (come mai prima) produzione e arrangiamenti.

12 nuove canzoni scritte (come sempre) con Michele De Vitis: “Millenovecento73”, “L’uomo nuovo”, “Tienimi stretto”, “L’amore che non vedi”, “Il lessico del cuore”, “D’ora in poi”, “Tutto un altro film”, “La stessa”, “Passeggiando (con me)”, “Quello che immaginavi”, “Serena” e “Un amore qualunque”, questi i titoli contenuti in “Segnali di umana presenza”. La sua storia è coerente con la sua arte, la sua musica e le sue canzoni hanno accompagnato periodi di vita – “Scrivimi”, appunto, su tutte; “Rosanna”, “Il Mandorlo”, “Boulevard”, per citarne altre – restano nell’immaginario di tanti, e che hanno fatto la fortuna di un cantautore rimasto sempre indiviso con la sua arte e il suo talento di compositore, alla ricerca mai fine a se stessa.

Il lessico del cuore” (da cui è tratto anche un videoclip girato dall’operatore-regista Davide Silvestro) è certamente la canzone che meglio delinea gli ambiti e i contenuti musicali del nuovo lavoro, ritorno alla discografia ricco di idee: “Forse ci vorrebbe una rivoluzione/ Non farebbe male un po’ di confusione/ Dentro una vita da tiro a segno/ che tanto già lo sai che non vinci mai!/ Tutto prenderebbe un’altra direzione/ oltre la politica e la religione/ Ci sono uomini che non capisco/ Ci sono troppi fatti che io non resisto…/Ah…se la storia potesse cambiare!/ Ah…quante cose potrebbe insegnare/ il lessico del cuore/ Forse ci vorrebbe una rivoluzione/ per tornare ad essere delle persone/ in questo mondo che alza la voce/ che non ti ascolta mai…dimmi come fai?”.

E‘ un Nino Buonocore più “diretto” che racconta l’uomo e gli scenari della sua sfera più privata, con la solita naturalezza e leggerezza, le difficoltà del vivere e la sua idea di rivoluzione è da realizzare con le parole.

Un lavoro che ci disvela il meglio di un microcosmo che conosciamo bene, che si apre di nuovo, e intatto restituisce un mondo di emozioni e colori che è proprio del repertorio di Buonocore.

Le conclusioni sono riassunte nel verso “Sarebbe tutta un’altra musica la vita e invece è tutta una bugia”, sintesi filosofica, concettuale di questo viaggio fatto di sogni, a volte realizzati a volte traditi, in cui la musica e le canzoni di Nino ci accompagnano.

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*