Antropolaroid: a Pescara il teatro vertiginoso e totale di Tindaro Granata

Da il 5 Febbraio 2020

AntropolaroidDomenica 9 febbraio alle 18, al teatro Cordova di Pescara, va in scena “Antropolaroid” di e con Tindaro Granata. Uno spettacolo molto atteso anche perché per Granata, che ha fatto incetta dei principali riconoscimenti teatrali (dal Premio “Associazione nazionale critici” all’Ubu, l’Oscar del settore) è il debutto assoluto nella nostra regione. Lo spettacolo rientra nel cartellone del festival “La Cultura dei Legami”, ideato e diretto da Edoardo Oliva del Teatro Immediato in collaborazione con la fondazione Aria, il Comune di Pescara, il TSA e la Laad. Biglietti: intero € 12, ridotto € 10. Possibile acquistarli con la carta docente. Consigliata la prenotazione al 333.6530249. Prevendita in Via Campobasso 18 a Pescara (Teatro Immediato il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 17.30 alle 19.30.

Con un titolo che fonde la ricerca antropologica e lo scatto fotografico, Antropolaroid è una creazione teatrale ricolma di molteplici emozioni e suggestioni, una vertigine prismatica di recitazione, narrazione, concretezza e universalità, ritmo avvolgente. Tindaro Granata, enfant terrible dei nostri palcoscenici, attraversa qui i decenni vestendo numerosi ruoli e configurazioni anagrafiche: è indifferentemente maschio e femmina tra giochi, balli, lavoro, relazioni familiari e paure. Antropolaroid è un vortice di discorsi, legami e situazioni cangianti; è lui da solo, ma è come se fossero in tanti. Una delle novità di questo spettacolo sta nell’utilizzo di una tecnica antica come quella del “cunto”, che viene disarticolata, scomposta e il meccanismo del racconto più o meno lineare viene così sostituito dalla messa in scena dei dialoghi tra i personaggi del racconto. Non vengono narrati i fatti, ma i protagonisti parlano tra loro e danno vita alla storia, che cattura e ti porta via.

Il festival “La Cultura dei Legami” proseguirà giovedì 13 febbraio alle 21, in questo caso al teatro Circus di Pescara, con “L’Arminuta”, di e con Lucrezia Guidone, tratto dall’acclamato romanzo di Donatella Di Pietrantonio.

About Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *