Frankie hi-nrg mc nel tour teatrale “Faccio la mia cosa”

Da il 16 Ottobre 2019

Frankie hi-nrg mc torna sul palcoscenico per vestire i panni dell’attore, portando in tour “Faccio la mia cosa” (debutto ad ottobre).

Un monologo Frankie hi–nrg mc a cavallo tra autobiografia e documentario, con uno stile frizzante e unico che è da sempre la sua firma.

Un’ora e mezzo di spettacolo, coprodotto da Elastica con Materie Prime Circolari, nel quale,

  • accompagnando il racconto con l’ausilio di video musicali e interpretando alcuni dei suoi maggiori successi.
  • ripercorre le fasi che lo hanno portato a diventare uno dei capiscuola del rap nostrano e – in parallelo
  • di come l’hip hop sia nato nei quartieri più disagiati di New York.

La prima nazionale c’è al Teatro Eliseo di Roma questo sabato, 19 ottobre.

«Ho scritto “Faccio la mia cosa” per rispondere nel modo più completo e divertente possibile alla domanda “Come ti sei avvicinato al rap?”»

In “Faccio la mia cosa”, lavoro teatrale tratto dal suo omonimo libro uscito il 30 aprile per Mondadori / Strade Blu

il rapper italiano porta per la prima volta sul palco la propria storia,

accompagnando il pubblico alla scoperta di un passato comune (dallo sbarco sulla luna, al terremoto dell’Irpinia, all’invenzione dei videogiochi)

in un viaggio a partire dal giorno della sua nascita, fino a “Fight da faida”.

Ma ricostruisce anche un’altra storia, quella che sul versante opposto dell’oceano segna la nascita di un nuovo genere musicale, grazie ad un gruppo di autodidatti che danno vita ad un nuovo sound e all’hip hop, la cultura che da alcuni decenni ha invaso tutto il mondo e sta già ispirando la propria terza generazione.

«Il mio obiettivo è di stuzzicare ricordi e curiosità, gli stessi che mi hanno mosso ad approfondire questa cultura fino a dare il mio contributo». 

Nato nel 1969 a Torino, Frankie hi-nrg mc è considerato il pioniere del rap italiano, artista dalla cultura eccezionale e dalle grandi capacità di mettere in versi i le denunce sociali di più di una generazione.

Indignazione, ribellione e critica degli stereotipi hanno contraddistinto la sua carriera, ha scritto testi graffianti tra i quali hit come “Quelli che benpensano”, “Fight da Faida”, “Potere alla parola” e “Pedala”.

LEGGI ANCHE:

Imperdibile la nuova stagione teatral/musicale della Luigi Barbara

 

About Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *