Il turismo in Puglia? Boom anche quest’anno

Da il 5 Aprile 2019
Potrebbe essere la Puglia la regina delle vacanze di massa 2019, almeno per quanto riguarda l’incoming turistico dall’estero. L’aveva già preconizzato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, intervistato all’ITB Berlin, la Fiera del Turismo di Berlino.
Un auspicio confermato dall’indagine svolta da Marketing01 (agenzia Google premier) che ha indagato la “reputazione on line” della Puglia e delle sue città, visto che ormai la raccolta delle informazioni per la scelta della destinazione turistica avviene per quasi il 90% attraverso il web, così come le prenotazioni online sfiorano l’80% di quelle totali.
Il report ha messo in luce un generale interesse nei confronti del “tacco dello Stivale”, evidenziando come la ricerca “travel to Puglia” venga effettuata con frequenza notevole, in particolare da chi risiede nel Regno Unito. Inoltre dalla seconda metà di febbraio l’aumento è stato, in tal senso, del venti per cento.
Già negli ultimi quattro anni la Puglia aveva fatto registrare un numero crescente di presenze sul territorio, e la regola dovrebbe essere mantenuta  quest’anno, con un segno più del 15% circa rispetto al 2018.
L’indagine di Marketing01 ha poi preso in considerazione un panel di 165 siti di aziende che operano sul territorio, comuni e associazioni per la promozione del turismo. Di questi, il 78% offre la possibilità di avere accesso alle informazioni in inglese e, in alcuni casi, pure in altre lingue. Sono proprio queste le pagine che incidono maggiormente nell’aumento delle visualizzazioni.
Per quanto riguarda le ricerche online fatte all’interno dei confini nazionali, la Puglia, e in particolare il Salento, continua ad essere la destinazione più amata per le vacanze al mare. Sui motori di ricerca le parole “residence Salento” e “hotel Salento” sono sempre molto digitate, con una leggera flessione negativa solo nei mesi di novembre e dicembre. Ma emerge  che questa regione non sia più associata soltanto alle sue spiagge: iniziano a essere  diffuse ricerche come “arte in puglia” ed emerge un montante interesse per le singole città. Tra le più desiderate, c’è Monopoli, che mantiene un tasso di ricerca costante in ogni periodo dell’anno. E vanno forte anche i  “trulli”, le tipiche costruzioni pugliesi coniche realizzate in pietra.
“In generale, possiamo dire che grazie a una maggiore presenza in rete di tutto il Sistema Puglia, negli ultimi anni abbiamo avuto un aumento dell’incoming turistico dalle altre regioni e dall’estero, ma anche una maggiore diversificazione delle tipologie di vacanza – ha commentato Paolo Bomparola, uno dei massimi esperti italiani nel web marketing per il turismo e direttore di Marketing01 -. Se prima chi veniva in questi luoghi lo faceva solamente per il mare, ora gli utenti del web stanno scoprendo anche il ricchissimo patrimonio culturale e naturalistico, riuscendo a destagionalizzare un turismo che, altrimenti, sarebbe stato legato esclusivamente ai mesi caldi”.

About Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *