Italiani, popolo di meteo-dipendenti

Da il 4 Maggio 2019

Oltre il 62% degli italiani guarda le previsioni almeno una volta giorno, e nell’88% dei casi lo fa su Internet o tramite app: è quanto emerge da un sondaggio realizzato a livello nazionale da Visit Elba e presentato durante il convegno dal titolo “Vacanze sicure tra previsioni meteo e cambiamenti climatici”.

Se sul lungo periodo è ancora molto complesso per i meteorologi fare previsioni affidabili, è pur vero che nel breve periodo i progressi della scienza hanno permesso di ridurre notevolmente i margini di errore.  Per questo gli italiani le considerano comunque molto affidabili (nel 72% dei casi) e nello scorso periodo di Pasqua, a fronte di previsioni pessime, il 31% degli intervistati ha cambiato o avrebbe voluto cambiare le proprie vacanze.

“Visit Elba ha recentemente lanciato l’iniziativa #ElbaNoRain, grazie alla quale nel periodo di aprile-maggio i turisti che sull’Isola dovessero incontrare più di due ore di pioggia durante il giorno si vedranno rimborsati il costo del pernottamento”, afferma Claudio Della Lucia, Coordinatore Gestione Associata Turismo dell’Isola d’Elba (vedi www.visitelba.info/elbanorain/).

Gli italiani che hanno programmato una vacanza iniziano a controllare le previsioni una settimana prima la partenza nel 31% dei casi e qualche giorno prima nel 55% dei casi, ma solo l’8% degli intervistati parte senza dare neanche una sbirciatina. La grande maggioranza (62%) controlla solo se piove o ci sarà il sole ed eventualmente la temperatura; molti meno verificano le condizioni di vento e mare (37%) sebbene possano influire significativamente sulla vacanza.

E se le previsioni danno pioggia? Il 9% degli intervistati se può annulla proprio la vacanza, ma la maggior parte, oltre rivedere il contenuto della valigia (23%), cerca di capire come occupare il tempo durante il previsto periodo di maltempo (44,3%).

“È evidente come oggi, data anche la forte concorrenza internazionale, sia fondamentale costruire un’offerta turistica diversificata che sappia arricchire l’esperienza del mare o della montagna” continua Della Lucia.

About Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *