Ordinare, provare, rendere: L’epoca dei resi

Da il 28 Novembre 2019

Ordinare, provare, rendere: è questo il circolo vizioso che sta intrappolando l’economia e soffocando il Pianeta.

La possibilità di poter restituire un vestito o un oggetto comprato online è, oggi, uno dei principali elementi che influenzano l’acquisto.

Le aziende che offrono resi gratis aumentano le proprie vendite del 457%.

Ed è così che, di conseguenza, il numero dei resi sta crescendo esponenzialmente, costringendo alcuni marchi a limitarne le richieste per evitare danni e perdite.

Come evidenziato da un report di Appriss Retail, lo scorso anno negli Stati Uniti il loro valore è stato di 369 miliardi di dollari, pari al 10% delle vendite.

Ordinare provare rendere

Una cifra destinata ad aumentare se non si interviene: come riporta GreenBiz, l’anno prossimo negli USA il valore dei resi toccherà la cifra record di 550 miliardi di dollari, segnando un +75% rispetto al 2016.

Ma in che modo i resi minacciano la salute del Pianeta?

Innanzitutto, come rivela il New York Times, il trasporto si piazza al primo posto tra le principali fonti di gas serra nell’atmosfera, un primato recentemente raggiunto dopo aver superato le centrali di energia.

A questo si aggiunge la produzione record di imballaggi che genera grandi quantità di rifiuti che stanno mettendo in ginocchio le città.

“Il fashion renting può rivelarsi particolarmente utile per ridurre il numero dei resi, contribuendo alla salute dell’ambiente”, spiega Caterina Maestro, fondatrice di DressYouCan.

Ordinare provare rendere

CERCHIAMO DI AIUTARE L’AMBIENTE E NON FACCIAMOCI CONSUMARE DAL CONSUMISMO USA E GETTA E CAMBIA!

Se vogliamo aiutare il pianeta nonn solo con gli slogan dobbiamo cambiare le nostre abitudini.

Facciamoci caso:

Queste abitudini sono nuove, si sono sviluppate negli ultimi 3-5 anni.

Le nostre città stano morendo.

non solo di Anidride Carbonica!

Cambiamo le nostre azioni e

Cambieremo il mondo.

Siate autonome e non lasciatevi influenzare da chi ci vorrebbe solo un indice pagante.

Non è appagante.

 

LEGGI ANCHE:

Turismo nella giungla: tra alberi e liane

Smartphone: uno studio spiega come resistergli

About Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *