Prezzi e qualità della vita: l’Italia è dietro

Da il 28 Maggio 2019

 

Pubblicato l’ottavo rapporto di Deutsche Bank sui prezzi e gli standard di vita mondiali.

Indagine che analizza l’andamento dei prezzi e la qualità della vita in tra 56 grandi città nel mondo, rilevanti per il mercato finanziario mondiale.

Complessivamente, i principali Paesi dell’Eurozona segnano un generale aumento nel livello dei prezzi. Anche l’Italia, con Milano, non fa eccezione a questo trend, riportando un aumento del+ 1,24% rispetto al 2018.

PRINCIPALI OSSERVAZIONI SUI MAGGIORI PAESI DELL’EUROZONA E SULLA CLASSIFICA GENERALE

 Index sulla qualità della vita

Ai primi 3 posti ci sono rispettivamente Zurigo, Wellington e Copenaghen. Seguiti da Edimburgo (4°), Vienna (5°), Helsinky (6°), Francoforte (13°),  Madrid (27°), Milano (35°), Parigi (36°).

La peggiore città in cui vivere è Lagos (Nigeria).

Lagos si aggiudica le ultime posizioni anche a livello di costi per l’acquisto di auto, jeans, vestiti e sigarette. Risultando la città dove i prezzi sono i più bassi tra le città esaminate.

Stipendi mensili netti

Nel 2019 si riscontra un generale decremento del valore reale dello stipendio netto mensile nella maggior parte delle città Europee.

Roma e Milano (-13% e – 10%), Oslo e Parigi (-11%), Amsterdam, Vienna e Madrid (-9%), Francoforte (-7%) e a livello globale il maggior decremento si riscontra a Beunos Aires (-45%), a Istanbul (-31%), a Johannseburg (-26%) e a Mumbai e New Delhi (-22%).

Se nella maggioranza dei Paesi nel 2019 il valore dello stipendio netto è sceso, negli Stati Uniti si è riscontrato un aumento del valore con in testa San Francisco (+31% ), seguito da Boston (+15%), New York (+12%) e Chicago (+11%).

Al primo posto nella classifica mondiale degli stipendi più alti, San Francisco con 6,526 $, seguito da Zurigo con 5,896$ e new York con 4,612$. Le principali città europee si trovano in mezzo alla classifica: Francoforte (17°), Parigi (22°), Berlino (26°), Vienna (29°), Milano e roma (31° e 32°), in coda alla classifica  Jakarta con 362$, Lagos 236$ e Il Cairo 206$.

 Affitto mensile

Le città con gli affitti più cari sono in ordine Hong Honk che detiene il primato dal 2014 con ben 3,685$ per un appartamento con 2 camere da letto, San Francisco (3,631$) e new York (2,909$). Seguite dalle europee Zurigo (4°), Parigi (5°) e Londra (6°), Dublino (8°), Amsterdam (12°), Copenaghen (13°), Francoforte (23°), Milano (25°), Roma (29°).

Le città più economiche per la stessa tipologia di alloggio sono New Delhi (363$), Bangalore (298$) e Il Cairo (285$).

Reddito disponibile dopo l’affitto

Al primo posto c’è San Francisco con 4,710$ disponibili dopo aver pagato l’affitto, seguita da Zurigo con 4,626$ e da Chicago con 3,298$. Francoforte al 12° posto con 2,048$, 28° per Parigi con 1,337$, 29° per Madrid con 1,193$ , Milano e roma al 30° e 32° posto rispettivamente con 1,023$ e 947$.

Ultimo in classifica Il Cairo con soli 64$.

Index sulle “cattive abitudini”

Mantenere le “cattive abitudini”, come 5 birre e due pacchetti di sigarette a settimana, sono vizi decisamente cari, ancor di più a Melbourne (1°), a Oslo (2°) e a Sydney (3°). Dove il costo per questi beni è rispettivamente di 77,8$, 77,2$ e 76,4$. In Europa le città più care per mantenere i vizi sono Londra che si torva al 7° nella classifica globale, seguita da Dublino (10°), da Edimburgo (14°) Copenaghen (16°) e Parigi (17°). Milano e Roma sono al 22° e al 26° posto, mentre Madrid, Francoforte e Berlino sono al 27°, 28° e 35°. La città Europea meno cara è Praga (49°), mentre a livello globale in coda alla classica ci sono Buenos Aires, Manila e in ultimo Lagos.

 FOCUS ITALIA

Variazioni % Indice dei Prezzi al Consumo (IPC)

L’Italia è il 32° Paese su scala globale per variazioni nel livello dei prezzi, con un + 1,24% rispetto ai prezzi del 2018. In cinque anni (2018-2013) i prezzi al consumo sono aumentati del 2,90%.

Index sulla qualità della vita

Il Paese resta sempre nella parte bassa della classifica con Milano al 35° posto e Roma al 40°. Posizioni che rispecchiano la diminuzione del potere di acquisto anche a fronte della diminuzione del valore reale dello stipendio netto mensile, dell’alto costo degli affitti e del reddito a disposizione dopo il pagamento della locazione dell’appartamento.

Stipendi mensili netti

Nel 2019 si riscontra un generale decremento del valore reale dello stipendio netto mensile nelle città di Milano e Roma (-10% e – 13%), rispettivamente al 31° e 32° posto, passando per Milano dai 1,904$ del 2018 a 1,721$ nel 2019 e a Roma da 1,762$ a 1,526$.

Affitto mensile

L’Italia, sempre a proposito di prezzi e qualità dell si trova a metà della classifica globale per il costo mensile degli affitti con Milano al 25° per un valore medio di 1,395$ per un appartamento con 2 camere da letto e Roma con 1,157$ per la stessa tipologia di abitazione.

Reddito disponibile dopo l’affitto

In forte diminuzione rispetto all’anno precedente il reddito disponibile dopo il pagamento dell’affitto, infatti Milano riscontra un -17% con 1,023$ rimanenti e Roma un – 15%. 

Costi per l’abbigliamento

Le spese per l’abbigliamento in Italia sono tra le più care tra i Paesi esaminati con una lieve differenza tra Roma e Milano dove quest’ultima risulta più cara della Capitale: comprare un paio di scarpe sportive Adidas, Nike o simili costa in media 110,3$ a Milano (8°) e 101,3$  a Roma (18°), mentre per un paio di jeans tipo Levis 501 il costo medio a Milano (6°) è di 105,5$  e a Roma (16°) è di 88, $. Molto più economico rispetto al 2018 è acquistare un abito estivo da Zara o H&M dove si riscontra una diminuzione del 15%.

Costo della tecnologia

Comprare un I-Phone in Italia è più caro del 21% rispetto agli Stati Uniti. Per l’ultimo modello del nostro smartphone preferito si può arrivare a spendere fino a 1514$ (12° nella classifica globale). Più economico invece il costo mensile di Internet: con 27,5$ al mese, con una diminuzione del -5% del prezzo rispetto al 2018.

Mobilità e trasporti

Milano è in terza posizione come città più cara al mondo per costo della benzina con 1,78$ al litro. Più contenuti sono i costi per l’acquisto di un’auto utilitaria per un costo medio di 24,700$, il -67% in meno rispetto all’acquisto della stessa tipologia di auto a Singapore e il prezzo dell’abbonamento mensile per i trasporti pubblici (42,6$ – 35° posto). Se non avete un’auto e volete noleggiarla, il costo giornaliero in Italia diventa davvero alto (6° posto nella classifica globale) con un affitto di ben 144,1$.

Leggi anche:

Viaggio di nozze: le mete più belle

Slow Food-Ce, un progetto (europeo) Slow Food

 

About Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *