Amsterdam Report

Da il 10 gennaio, 2012

Dopo 8 mesi trascorsi a lavorare ad Amsterdam, gli amici rimasti a Pescara hanno iniziato a interrogarsi su cosa stessi realmente facendo in Olanda. La mia risposta era sempre la stessa: lavoro, lavoro, lavoro.

Il lavoro, tanto ambito in Italia, l’ho strappato agli Olandesi.

Mentre Monti manovra, io lavoro.

Nonostante le mie più che soddisfacenti risposte, mi sono accorto che l’interrogativo che solleticava la mente dei pescaresi era tutto in una domanda: “Ma che rimani a fare in Olanda? Tanto adesso li chiudono i coffeeshop.”

Ecco riaffacciarsi l’immaginario collettivo che tento giorno per giorno di non far riaffiorare. Ecco riapparire lo spettro dell’Olanda “poco interessante”.

Ho scavato nelle notizie, chiesto in giro e posso tranquillizzare tutti gli italiani che vogliono venire in Olanda a farsi le canne. I coffeeshop non chiuderanno, tantomeno il Red Light District.

Quando io e la mia ragazza abbiamo deciso di trasferirci, la questione coffeeshop/Red Light District non mi ha entusiasmato. Possiamo anche fare gli ipocriti, ma sappiamo benissimo che i coffeeshop e le puttane ci sono anche a Pescara. Nel buio, magari dietro a un vicolo o in un finto locale simil-lounge-trend-discotecaro, ma ci sono. Così come nella stragrande maggioranza delle città italiane. Anzi forse Pescara in tante cose (da quando sono emigrato io) è leggermente migliorata, ma non c’è bisogno di andare in Olanda e lungi da me infatti l’essere venuto in Olanda per i coffeeshop.

Quello che mi interessava era l’open-mindedness dei nord-europei. Il guardare oltre e vedere se è possibile una società fatta di tante persone diverse, con regole e tradizioni diverse dalle nostre con un unico comune denominatore: il rispetto reciproco.

Dopo 8 mesi ho capito che è vero, questo tipo di società in Olanda esiste. Non vi aspettate però che la polizia olandese, se commettete un reato, vi dia una pacca sulla spalla o vi regali una caramella. Gli errori si pagano. E’ anche vero che grazie alla liberalizzazione delle droghe leggere, i reati per droga sono diminuiti notevolmente se non addirittura scomparsi. E’ notizia di qualche giorno fa infatti, che il governo olandese sta chiudendo molte carceri per mancanza di detenuti.

In compenso, le carceri italiane vivono il peggior periodo boliviano. Ulteriori approfondimenti prossimamente, su questi canali olandesi.

About Claudio Orrù

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*