BRASS BANG, IL DISCO DI SOLO OTTONE DI PAOLO FRESU

Da il 24 novembre, 2014

Brass_bangSTEVEN BERNSTEIN

trumpet, slide trumpet, distortion effects, flugelhorn, voice

PAOLO FRESU

trumpet, flugelhorn, cornet, pocket trumpet, multieffects

GIANLUCA PETRELLA

trombone

MARCUS ROJAS

tuba

Tutti insieme nell’album Brass Bang!, nuovo progetto di Paolo Fresu con Steven Bernstein, Gianluca Petrella e Marcus Rojas, per  l’etichetta Tǔk Music (distr. Ducale Music).

 Un disco di soli ottoni. Non è una novità totale anche se la figurazione due trombe-trombone-tuba non trova riscontri storici, ma il tema, declinato come viene fatto in questo disco, è senza dubbio più unico che raro.

Nato quasi per gioco, questo quartetto riesce a coniugare in maniera magistrale il difficile connubio che propone musica seria davvero intelligente e la parte ludica e divertente del mestiere del musicista.

Trascinante e affascinante, Brass Bang! porta con sé in più il fatto di essere un combo davvero esclusivo e – anche per questo alla fine del nome del gruppo è stato messo proditorio un punto esclamativo – certamente esplosivo. Ovvio che un lavoro del genere porti con sé il senso di una imperativa quanto logica scommessa poiché è ormai davvero raro avere oggi a che fare con incisioni in cui non esista a servizio una solida ritmica “storica” con strumenti come pianoforte, basso e batteria oppure una strumentazione magari innovativa capace di sparigliare le carte.

Brass Bang! convince invece pienamente proprio per il senso leggero che pervade il lavoro discografico ospitato dalla curata grafica dell’etichetta di Fresu, ricca questa volta dell’opera di Anna Godeassi “Dissonzanze oniriche e cognitive” che lo stesso Fresu omaggia poi in musica con uno dei brani più intriganti dell’intero lavoro.

Un disco piacevole e sempre scritto nei sacri canoni dell’armonia, capace di volare alto nel cielo della creatività.

 

 

il quartetto sarà in tour in Italia per presentare l’abum dal 7 al 19 luglio 2015

(main management: www.pannonica.it)

About Redazione

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*