DIARIO MINIMO DI UNA MAMMA 2.0 (25 APRILE EDITION)

Da il 24 aprile, 2012

“Olivia, ma perchè piangi e ti agiti durante il bagnetto? Ma l’acqua non dovrebbe essere l’elemento naturale che ti ricorda il liquido amniotico? Scusa, dove cavolo sei stata immersa per nove mesi? Nell’alcol,  come una ciliegia sotto spirito?

Buongiorno principessina, è l’ora del bagnetto, ma stai fingendo di dormire? Ragazzì, che vuoi cominciare a fregarmi a due mesi? Cominciamo bene… E a 14 anni cosa farai?

Ma quando nel pronunciare il nome di tua figlia ti rispondono “molto particolare!”, sarebbe l’equivalente di quando chiedi: “è bella?” e ti rispondono “è molto simpatica!”.

Ma perchè la pubblicità di facebook mi chiede se voglio una cuccia per il mio roditore? Ho una bambina, mica un criceto. Poi non ha nemmeno i denti.

Olivia, guardalo bene: obiettivo Harry, ce la possiamo fare!

Olivia completamente ipnotizzata dai Teletubbies... ma come fanno? Mica conterranno messaggi satanici?

…E la sostanziale differenza tra l’annaffiare e il fracicare una pianta.

Manu, mi porti al piano di sopra la bicicletta ellittica? lo so che pesa, ma devo farla almeno mezz’ora al giorno! La metto in camera da letto così quando ho tempo… la faccio, la faccio, te lo giuro sul canguro!”; tre settimane dopo: “Manu, mi togli quel coso dalla camera da letto? Non riesco a pulire e mi ingombra soltanto! E’ colpa tua, sapevi che non l’avrei mai usata, ma perchè mi assecondi?”.

Accostarsi e guardare la signora col monovolume che si incaponisce a entrare nel posto che tu hai lasciato con la Smart vale la mattinata.

Le rotatorie e il fuorigioco sono due concetti che a certe donne risultano incomprensibili.

Lezione di autostima: fare il turno di ginnastica posturale con le signore settantenni migliora sensibilmente la percezione del proprio corpo.

Ho capito che a Pescara se non sei una scopa secca non hai diritto di vestirti… E prendetele le taglie dalla 44 in poi! Porco il mondo che c’ho sotto i piedi! (Chiedo scusa in anticipo, quando sarò tornata una 42 mi passerà).

Ma perché una piega mi costa 12 euro e un’acconciatura per il matrimonio 300? Non son sempre capelli, shampoo e lacca?

Allora, a Carnevale ho costruito il carro allegorico per i bambini della parrocchia, per Pasqua sto confezionando le palme per domenica, il primo maggio mi cresimo… Ma che cazzo sta succedendo!”.

 

 

 

 

 

 

About Giulia Innamorati

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*